La ripresa economica è anche ripresa dell’occupazione

Pubblico 6 tavole di elaborazioni di dati statistici di fonte ISTAT che mostrano come si è evoluto il mercato del lavoro in Italia tra il 2008 , 2014 e 2017 a livello di media dei primi tre trimestri di ogni anno . Il confronto permette di comprendere che dal 2014 l’occupazione è in ripresa e la disoccupazione si è ridotta ma non hanno ancora ripreso i livelli del 2008 , di prima , cioè , della doppia crisi dei cosidetti mutui subprime e del debito pubblico. Infatti l’occupazione totale è leggermente inferiore al 2008 ( -0,5% ) recuperando però il 3,4% sul 3,7% di caduta del 2008-2014 ( tav.1). Con una grande differenza , tuttavia , tra lavoro dipendente che è cresciuto superando il livello del 2008 con il 2,6% in più e quello indipendente crollato del 9,6%. E’ vero però che il volume di ore lavorate è inferiore a quello del 2008 per il 5,4% sia del lavoro dipendente che indipendente ( tav.2). Non a caso sono aumentati di più gli occupati dipendenti a tempo parziale e a tempo determinato che a tempo pieno , mentre i lavoratori indipendenti sono diminuiti tra il 2008 e il 2017 in entrambe le tipologie di orario ( tav. 3 e 4 ). Così l’orario involontario a tempo parziale è rimasto a livelli quasi uguali a quello del 2014 , il 52,2% del totale (tav.5) . I dati sulla disoccupazione totale ( 15-74 anni ) e giovanile ( 15-24 anni ) sono quelli peggiori , ridottisi di poco ( tav.6) .

Il fatto è che questo paese dopo il boom economico del dopoguerra a partire dagli ultimi anni 60 del secolo scorso non è più stato in grado di “dotarsi “ di un modello di sviluppo in grado di sostenersi e sviluppare livelli quantitativi e qualitativi di occupazione adeguato al nuovo scenario mondiale della globalizzazione , della rivoluzione tecnologica digitale , del protagonismo dei paesi emergenti , in primis la Cina , delle grandi migrazioni e dei mutamenti climatici. L’eccellenza che pure c’è , è cresciuta , ma è minoritaria e deve per di più reggersi sulle spalle tutto il resto che rimane di inadeguato e inefficiente . Siamo sopravissuti ( si fa per dire ) accumulando livelli di debito ed evasione fiscale monstre. Chi ha governato negli ultimi anni ha fatto ripartire il paese ma la strada è ancora lunga .